Contest e Collaborazioni, Cose da Foodies, Eventi, Mangia e bevi

Come è andata a finire con il #planetafoodchallenge

DSC_0298-1

 

panorama dalla Foresteria Planeta

Questo è uno di quei momenti in cui tu, per quanto ti immagini e ti ispiri a Carrie Bradshaw, le gambe affusolate ripiegate sulla grande poltrona di Hayden, il fido mac in grembo mentre scrive ironica la prossima avventura, tu sarai sempre e irrimediabilmente Bridget Jones.
Con il sedere di Bridget, che alla sua prima diretta televisiva atterra sulla telecamera. No, non è un interpretazione tragica degli eventi, è esattamente come la sottoscritta si è sentita quando allegra e spavalda ha ricevuto la gentilissima mail di congratulazioni dal #planetafoodchallenge.
Ecco, un attimo prima ero Carrie con le sue splendide Manolo, letta la mail ero Bridget ubriaca che canta a squarcia gola All By Myself.
Ma perché tanta drammatica disperazione?
Il perché è presto spiegato: la famiglia Planeta aveva si scelto una mia foto, tra le molte che avevo inviato, ma tra tante proprio quella delle scacce.

Si, lo so.
Proprio una di quelle che ho solo fotografato.
L’autrice, la mia fida cuciniera, come ben sapete, in quel caso  fu Silvia.
La sconfinata generosità della famiglia Planeta, di Elisia e di tutte le persone che hanno lavorato alla nostra trasferta ci ha poi permesso di partecipare entrambe ( io come accompagnatrice, perché il grosso l’ha fatto Silvia).
Ma ricominciamo dal principio.

Piani ben riusciti
Il 6 marzo, quando ho cominciato #ilariaeelisiaproject ho pensato che fosse il giusto omaggio a Elisia Menduni e alle ricette delle donne di Casa Planeta, ispirandomi a Julie Powell e Julia Child.
Una ricetta a settimana, dalla prima all’ultima.
E le foto per il contest, ‘che mica pettiniamo le bambole.
Qualcuna da sola, qualcuna con Silvia, cuciniera siciliana dalle mille storie di famiglia.
Una dopo l’altra, cucinando e fotografando.
E poi la chiamata: siete in finale, con le scacce di Silvia.
E un viaggio intenso, appassionante e soleggiato.

La mia Sicilia sa di arance amare, pomodori dolci e olio che gratta il palato
I biscotti all’ arancia di zia Anna Maria.
I verdi, i lilla, il giallo sparato del sole, l’azzurro ipnotico del cielo e il mare che non è questione di poesia, è proprio argenteo.

L’olio che gratta il palato, il vino nei racconti appassionati di Francesca Planeta, il pomodoro dolce e succoso.
La cioccolata Bonajuto e il suo avvolgente calore.

Ogni singolo ingrediente assaggiato, ogni storia ascoltata, ogni elemento del paesaggio, è un tassello che compone in modo armonioso e perfetto l’immagine selvaggia e accogliente che si può avere di questa regione.
La Foresteria di Casa Planeta è il paradiso dei gourmet, è un lussuoso luogo per perdersi e ritrovarsi.
La famiglia Planeta una forza della natura, un’armata di combattenti del gusto e del lavoro della terra, che ama in modo fortissimo.
Lo chef Pumilia, la sua allegria e la sua disponibilità nelle cooking class.

E’ stato un presstour all’insegna della qualità e dell’accoglienza, un’esperienza davvero magica.
Luoghi bellissimi e persone di grande generosità.

 

Se ve lo state chiedendo, si alla fine il contest l’abbiamo anche vinto.

Altre foto in Gallery