Tag

festa della rete

Cose da Foodies, Eventi

To do list e eventi da far girare la testa

fermentazioni_2014_223

Sono tornata dalle ferie e vi vedo. Vi vedo e vi immagino, a scegliere l’agenda nuova, e vi vedo mentre scrivete le vostre to do list.

Vedo tutti gli elenchi di buoni propositi che avete stilato per rimettervi in forma, vivere meglio, condurre vite sane e morigerate.

Lo so, perchè l’ho fatto anche io.

Ho preso l’ agenda, gli stickers, i post it e le penne colorate e washi tape.

Li ho sparsi sulla scrivania e ho scritto.

Tra gli altri anche il piano editoriale di questo blog, oltre a quelli per i clienti, le strategie di comunicazione.

E poi sono tornata in ufficio.

TRAGEDIA! E’ tutta la settimana che guardo questo spazio bianco, guardo i post che avevo programmato e poi chiudo tutto.

E niente, settembre mi ha fatto un brutto effetto, e questa settimana l’ho vissuta come un lunghissimo lunedi.

Ma adesso basta, perchè invece ci sono un sacco di cose da raccontare, di novità, di eventi non solo food.

Continua a leggere…

Related posts
Il mio Instagram di marzo
22 maggio 2017
Gennaio ciao, benvenuto Febbraio vedi di farcela
1 febbraio 2017
Il magico risotto di Sookie, da Eat like a Gilmore
5 dicembre 2016
Blog e Press Tour, Cose da Foodies, Eventi

La FDR15, e il futuro che avanza

DSC_0119-1

Avete presente quando da adulti tornate in un luogo dell’infanzia che ricordate bello come Disneyland, emozionante, sfolgorante, e quando lo rivedete vi fa male al cuore perchè magari è più spoglio, porta i segni del tempo, non ha più lo stesso fascino, le persone che ci hai conosciuto non ci sono, insomma niente occhi a cuore e lacrime di gioia.
Continui a guardarti intorno e non riconosci niente, e non capisci se è perchè quel luogo ora fa veramente un pò tristezza o sei tu che crescendo non ti ci riconosci più.
E mi è successo qualche settimana fa, a Rimini, alla Festa della Rete.
L’anno scorso avevo scritto un post, a neanche un anno dalla nascita del blog, cercando di evitare falsi buonismi, ma parlando di cose e persone interessanti, e di cose che no, niente da fare, non mi erano piaciute.
Ho letto in rete di presenze inferiori all’anno passato ma qualità più alta.
Ecco, nel settore Food probabilmente parlare di presenze inferiori è un modo gentile per dire che eravamo tre gatti, ma per la qualità, fermi tutti, non ci siamo.
Alla Festa della Rete io mi aspetto di incontrare le persone che seguo sui loro blog, sui social, persone che per me sono di ispirazione, dalle quali tutti i giorni imparo qualcosa. Continua a leggere…

Related posts
Come è andata a finire con il #planetafoodchallenge
11 novembre 2015
Speciale Ilaria&Elisia Project, cucinare la Sicilia come insegna Casa Planeta, le scacce, ricetta 14
23 settembre 2015
Casa Planeta, pasta ca muddica, ricetta 13
2 luglio 2015
Cose da Foodies, Eventi

Come sopravvivere alla Festa della Rete 2014 e tornare stanche ma felici

P1030188
Cronaca semiseria di un gruppo di outsider difficilmente impressionabili, che hanno per lo più stazionato all’Embassy, cioè la location del Food.
Per citare qualcuno, sperando di non risultare secca.
Le star della rete ci credono tantissimo, e si dividono in quelle che hanno un libro nella borsetta, un blog con moltissimi clic, e social da milioni di like, sono popolari e noti al grande pubblico, parlano di traffico e di percentuali, cucinano piatti solo con ingredienti degli sponsor e alle domande rispondono tirando fuori il libro dalla borsetta, e quelle che sono conosciute da un pubblico più specializzato, si conoscono tra loro, conoscono benissimo gli chef, parlano di influencer, Digital Pr, Social Eating, frequentano gli stessi locali a Milano, sono autoreferenziali, parlano di contenuti alti, di cultura ma strizzano l’occhio ai blogger nazional popolari.
I panel ai quali abbiamo partecipato sulla carta promettevano faville, e forse l’aspettativa ci ha giocato un brutto scherzo.
Il migliore è stato sicuramente quello delle chef, sul mondo della cucina al femminile.
Dominato su tutte da Viviana Varese e Cristina Bowerman, fantastiche per forza, determinazione e personalità. Nota a margine: Cristina twitta, fotografa, condivide su FB. Chef stellata e social. Continua a leggere…
Related posts
Speciale Tavola del Mondo, Il contributo di Vichi De Marchi alla Tavola del Mondo
27 aprile 2015
#WeEatTogether, la Call Action di WE Women for Expo
10 aprile 2015
Da La Voce di New York, i cavatelli di grano arso di Cristina Bowerman, ricetta della vita
25 gennaio 2015
Cose da Foodies, Storie

” Divertitevi e godete”, addio al papà di Gambero Rosso e Papero Giallo

Stefano-Bonilli-640x426

Avevo in programma, al ritorno dalle ferie, speranzosa e emozionata al solo pensiero di riuscire a incontrarlo al BlogFest a Rimini, di scrivere un piccolo post su Stefano Bonilli.
Questa cosa non succederà ed e’ molto triste. 

Ho pensato che per ricordare una persona che ha trattato sempre il cibo come elemento vitale, culturale e come godimento puro, forse condividere una ricetta dal suo blog, fosse il gesto più coerente.
Ecco qua, dal Papero Giallo, il post del 16 luglio: semifreddo al croccante, di Mirella Canterelli.
Il post di Bonilli finisce così: ” Divertitevi e godete”.
E a me sembra un bel modo per chiudere un post.


Foto e notizie dal web

Related posts