Tag

movies

Cose da Foodies, Storie

Gennaio ciao, benvenuto Febbraio vedi di farcela

hope-1804595_960_720

FullSizeRender

Si Gennaio è finito, ed io francamente ne avevo bisogno.

Febbraio vieni avanti, sei il benvenuto!

Ho anzi deciso di considerare Gennaio 2017 come un’appendice del terribile 2016, un remainder di quello che è stato.

Ora basta però, che è arrivato Febbraio, il mio mese, il mese del mio compleanno.

Ora guardo il mio IG di gennaio con tenerezza e affetto, è stato un mese pieno di rosa ma anche di malinconia e io l’ho riempito di parole dei libri e dei film del cuore.

Poi c’è anche stato il verde, verde speranza, e una collaborazione che mi stimola tantissimo, quella con le ragazze di Foodcrunch, un magazine che parla di alimentazione senza se e senza ma, che vuole raccontare il cibo al naturale, ripulito da bufale e falsi miti. Continua a leggere…

Related posts
Il mio Instagram di marzo
22 maggio 2017
Il magico risotto di Sookie, da Eat like a Gilmore
5 dicembre 2016
Mangia come una ragazza Gilmore
19 ottobre 2016
Cose da Foodies, Storie

Il 2016 non mi è piaciuto, ma il mio BestNine2016 è bellissimo

img_1851

No, non mentirò, il 2016 è stato per me un anno particolarmente difficile e complicato.

Ma non voglio neanche che l’ultimo post di quest’anno sia deprimente e scialbo, così vi saluto, miei amatissimi lettori con una delle cose che mi ha più riempito di gioia ( e colore), cioè il mio IG.

Sul quale ho lavorato molto e del quale comincio ad essere davvero soddisfatta.

E il mio #BestNine2016 effettivamente racchiude un pò tutte le cose belle ( eh, qualcuno direbbe “ogni tanto una gioia”) di questa vita virtuale che condivido con voi! Continua a leggere…

Related posts
Cosa fare se ti regalano dei fiori (di zucca)
26 giugno 2017
Il mio Instagram di marzo
22 maggio 2017
Sushi for dummies e il mio preferito
22 marzo 2017
Cose da Foodies, Storie

Quando la motivazione per perseguire una passione viene da un topolino

images252832529

Ratatouille è indubbiamente un film di animazione di quelli che conquistano anche gli adulti, e il motivo è, secondo me, la scrittura.

Sono alcuni dialoghi, memorabili, che colpiscono.
La storia del topolino francese che vuol cucinare, e trova nel pasticcione sguattero di cucina, il perfetto alter ego, è romantica, allegra e ovviamente, a lieto fine.
“Il cibo trova sempre coloro che amano cucinare!” e anche: “Tutti possono cucinare.” 
”  L’alta cucina non è una cosa per i pavidi, bisogna avere immaginazione, essere temerari, tentare anche l’impossibile e non permettere a nessuno di porvi dei limiti solo perché siete quello che siete, il vostro unico limite sia il vostro cuore. Quello che dico sempre è vero, chiunque può cucinare ma solo gli intrepidi possono diventare dei grandi.”
Questi alc
uni dei concetti del film.
Infine, e qui si va a parlare di donne in cucina, in un mondo dove gli uomini
spesso la fanno da padroni, la coraggiosa Colette, e il suo sfogo, che racchiude tutto lo sforzo di emergere per la propria passione.
Un paio di curiosità: i realizzatori hanno creato più di 270 cibi diversi al computer. Ognuno di essi è stato progettato e preparato in una vera cucina, per poi essere fotografato e usato come riferimento. Infine, è stato mangiato.
Related posts
Gilmore Girls night, il menù e il mio spiegone definitivo sul cerchio della vita
2 dicembre 2016
Se sapessi cucinare, ecco cosa cucinerei da Amelie alla cuoca del Presidente
17 novembre 2014
Heartburn, un film d’amore condito dalle ricette di Nora Ephron
13 ottobre 2014
Cose da Foodies, Storie

A cena con un regista per il quale “la sceneggiatura va cucinata”

28

Questa sera metto a cena un regista e la sua passione per il cibo.
Questa sera ci riuniamo e ceniamo alla salute di Ferzan Ozpetek e del suo amore per la tavolata, luogo di lacrime e risate, di conflitti e confessioni.
Perchè ci sono sempre tavolate di amici, o di famiglia, nei film di Ferzan, c’è sempre cibo vero e vino, ad accompagnare le sue storie, proprio come nella vita reale.
Ferzan, che è anche un bravo cuoco, sa che un sottile filo lega cinema e cibo. E lo spettatore percepisce la sua passione in ogni fotogramma, il cibo è trattato come un protagonista da rendere nel profilo migliore.

Si racconta di pasti curati e ingredienti di qualità, al posto dei soliti cestini, per i set del regista turco.
Ecco il mio personalissimo menù, se volete, cenate con me.
Antipasto, gli arancini di Saturno Contro.
La bellissima scena di vita quotidiana di una coppia, uno cucina, l’altro che passa vicino ai fornelli.
Ci si imbocca, si ruba l’arancino ancora bollente, si assaggia.
Primo, le ruote pazze di Mine Vaganti.
Nel film la famiglia protagonista possiede un antico pastificio, e l’omaggio del regista, alla pasta, nelle scene in cui la mostra uscire dalle trafile calda, e stesa ad asciugare negli essiccatoi.
Classica la ricetta salentina, che non mancava mai sul set, “Ciceri e Tria”, e pare gli attori non riuscissero a smettere di mangiarla. Continua a leggere…

Related posts
Il mio Instagram di marzo
22 maggio 2017
Gennaio ciao, benvenuto Febbraio vedi di farcela
1 febbraio 2017
Il magico risotto di Sookie, da Eat like a Gilmore
5 dicembre 2016
Cose da Foodies, Storie

Julie&Julia, ovvero “Se hai paura del burro usa, la panna”

47244

chocolate-1121356_960_720Metti insieme 4 donne straordinarie, profondamente diverse. Metti Parigi, che ci sta sempre bene, così come il glamour retrò di cappottini anni 50, completati da guanti e cappellino.
Metti il cibo, quello buono, insieme alla generazione 2.0, quella dei blog e dei social.
Metti infine, insieme, due libri, uno pubblicato dopo mille peripezie , nel 1961, l’altro a seguito di un successo inaspettato, nel 2005.
Adesso racchiudi tutto in un’esperienza di 123 minuti.Julie&Julia è un film del 2009 scritto e diretto da NoraEphron con Amy Adams e Meryl Streep, tratto dai libri Julie & Julia. 365 giorni, 524 ricette, una piccola cucina di Julie Powell e My Life in France di Julia Child e Alex Prud’homme.

Continua a leggere…

Related posts
Cosa fare se ti regalano dei fiori (di zucca)
26 giugno 2017
Il mio Instagram di marzo
22 maggio 2017
Waffle, aggeggi rosa e fantasia
27 marzo 2017