Tag

Progetto Petronilla

Contest e Collaborazioni, Cose da Foodies, Storie

Da la Voce di Ny il nostre speciale Buona Pasqua!

basket-16015__180

Il menù perfetto per una Pasqua all’italiana:  4 ricette di 4 donne da 4 regioni

Una raccolta di ricette de quattro diverse regioni italiane, proposte dalle donne del progetto Petronilla accompagnate da un ricordo personale. Un menù completo che ci fa fare il giro d’Italia per comporre una ricca tavola di Pasqua, all’insegna della tradizione, dalla colazione al dolce

“Arriva la Pasqua e non c’è casa italiana che non sia pervasa dai profumi dei preparativi del menù protagonista della tavolata che domenica riunirà le famiglie. Da Nord a Sud le tradizioni della colazione e del pranzo sono radicate e varie, somiglianti e allo stesso tempo diversificate non solo nei territori, ma anche da famiglia a famiglia. Quella che segue è una raccolta di ricordi e ricette pasquali delle nostre Petronille, donne romane, me con provenienze regionali diverse, che propongono il loro menù per festeggiare a tavola una Pasqua all’italiana. Un giro d’Italia per comporre una ricca tavola pasquale che parte dalla colazione marchigiana di Laura, per passare alla zuppa abruzzese di Paola, all’abbacchio e alle puntarelle in vero stile romanesco di Barbara, e si conclude con l’opulenza dei dolci siciliani, di Silvia.”

Qui l’articolo completo, tanti auguri dalle Petronille!
 
Related posts
Il mio Instagram di marzo
22 maggio 2017
Gennaio ciao, benvenuto Febbraio vedi di farcela
1 febbraio 2017
Il magico risotto di Sookie, da Eat like a Gilmore
5 dicembre 2016
Cose da Foodies, Il Casato filo della Rosa, La Onlus, Storie

Folle Casseruola, blog, diario ricettario….Tutta una donna in una casa virtuale

folle

Questa settimana vi suggeriamo un blog per il quale ho una profonda ammirazione.

Folle Casseruola, il blog di Stefania Barzini, racchiude e raccoglie ciò che per me rappresenta il cibo ( fatta eccezione che lei cucina e sa cucinare veramente, mentre io invece, son sempre quella del 3 stelle Michelin in surgelati, e meno male che le altre Petronille invece son dei portenti di cuoche).
Però amare il cibo, amare gli ingredienti, amare il bene profondo che scaturisce dall’atto di cucinare per qualcuno, quello sì, quello lo so fare.
Tornando a Stefania e al suo blog, prendetevi un pò di tempo per voi e navigate su tutte le pagine: c’è il blog,sul quale scrive assiduamente, c’è il diario, i viaggi, la sezione delle ricette, i libri, i film.
C’è tutto, ma proprio tutto ciò in cui il cibo è protagonista, proprio come accade nella vita, ci si siede intorno a un tavolo e mangiando si parla di tutto. 
E non dimenticate di passare sulla pagina Guest Book.
Stefania, che è una donna reale, e non virtuale, risponde a quelli che, passando di lì, lasciano un saluto, un commento, una nota.
UNA BELLA CENA E’ IMPORTANTE PER UNA BUONA CONVERSAZIONE. NON SI PUO’
PENSARE BENE, AMARE BENE, DORMIRE BENE, SE NON SI E’ MANGIATO BENE”
VIRGINIA WOOLF.
La cucina è gioco, fantasia, divertimento, cultura, cura, attenzione, amore. Folle Banderuola non è un blog perfetto, ma sconclusionato, disordinato, allegro, un po’ folle. Come me.”
foto e virgolettato da Folle Casseruola
Related posts
Il mio Instagram di marzo
22 maggio 2017
Gennaio ciao, benvenuto Febbraio vedi di farcela
1 febbraio 2017
Il magico risotto di Sookie, da Eat like a Gilmore
5 dicembre 2016