Dolci, Ricette

Waffle, aggeggi rosa e fantasia

waffel2

 

waffel3Venerdì ho finalmente comprato l’ aggeggio cialdiera per i waffle.

Si lo so, siete stupiti quanto lo sono io: negli ultimi tempi sto compulsivamente acquistando cose per la cucina come non mai.

Sono basita anche io.

Ma ho una giustificazione, l’aggeggio in questione, infatti è rosa.

E così, sabato mattina ho fatto i waffle.

 

Con ansia, patemi e preoccupazioni.

In realtà ho scoperto che farli è molto semplice, e affrontare la piastra bollente meno complicato di quanto pensassi.

Prossimamente li proverò anche salati, ma devo ancora mettere a punto la versione definitiva.

Prima della ricetta una curiosità, scoperta leggendone le origini:

“Nel dizionario tedesco dei fratelli Grimm, edito nella prima metà del 1800, si cita l’esistenza del dolce e si tratta in modo dettagliato della sua composizione.” ( da Wikipedia)

Ingredienti

2 uova

80 gr di zucchero

estratto di vaniglia ( se vi piace, io che la odio non l’ho messa)

80 gr di burro

180 gr di farina

mezzo cucchiaino di lievito

180 ml di latte

zucchero a velo per spolverare

waffel1

Prima cosa: separate tuorli e albumi.

I primi sbatteteli con lo zucchero, gli albumi invece montateli a neve molto soda.

Fate fondere il burro, e una volta tiepido aggiungetelo a filo alle uova.

Aggiungete adesso la farina, il lievito, il latte e dopo aver ottenuto un composto liscio aggiungete con cautela gli albumi montati.

Adesso siete pronti: accendete la piastra, aspettate che sia calda ( leggete sempre bene le istruzioni), e quindi versate negli appositi spazi il composto per i waffle.

Le piastre sono solitamente anti aderenti, tuttavia io le ho leggermente spennellate con il burro.

I waffle saranno pronti in circa tre minuti, croccanti fuori, morbidi dentro.

Spolverate sopra zucchero a velo, e poi date sfogo alla fantasia: creme di diversi gusti, gocce di cioccolato, burro di noccioline, panna, frutta, marmellata…